News

Associarsi a FIEPeT - Confesercenti comporta il versamento di una quota annuale che, per il 2018, è determinata in € 140,00 e la sottoscrizione, solo per la prima volta, della dichiarazione di adesione ai fini dell'addebito della quota INPS che averrà dall'anno successivo.

Continua >

Scadenze, novità ed obblighi per la sicurezza nei luoghi di lavoro

23 aprile 2012

Tra le principali attività di cui un imprenditore si deve fare carico, gli adempimenti della normativa relativa alla sicurezza nei luoghi di lavoro assumono una notevole rilevanza, per le finalità ivi previste e per la gravità delle sanzioni correlate alla mancata osservanza.

Tutte le imprese sono coinvolte dal tema della sicurezza, dalle più piccole alle più strutturate, sia imprese di servizi che di produzione, con l’unica differenza che le azioni da adottare in concreto dipenderanno: 

  • dalla forma giuridica dell’impresa
  • dal personale addetto
  • dall’attività svolta.

Tutti gli obblighi previsti dal decreto gravano sul datore di lavoro delle imprese individuali con dipendenti e delle imprese costituite in forma societaria.

Sono esonerati dall’applicazione di alcune parti della normativa le imprese familiari, formalizzate con atto notarile, sempre che operino senza personale alle dipendenze.

Particolare attenzione richiede la presenza di coadiutori familiarifuori dallo schema dell’impresa familiare costituita da atto notarile: l’interpretazione attualmente più accreditata fa ritenere che la totale applicazione delle disposizioni sulla sicurezza nei luoghi di lavoro sia obbligatoria nel caso in cui i collaboratori familiari prestino la loro attività in maniera continuativa e sotto la direzione di fatto del titolare.

Nell'ipotesi invece in cui tale subordinazione di fatto non sussista ed il familiare esplichi saltuariamente la propria attività per motivi di affezione, gratuitamente ed in veste di alter ego del titolare, non dovrebbe scattare il vincolo della tutela nella forma più completa.

Ricordiamo la necessità per le aziende soggette all’applicazione dell’intera normativa di procedere alla valutazione dei rischi, punto di partenza per l’attuazione di un idoneo Sistema di Gestione della Sicurezza. A tal fine è previsto che:  

  • le imprese di nuova costituzione dovranno, entro 90 giorni dall’inizio attività, dotarsi del documento di valutazione dei rischi (DVR)
  • entro il 31 dicembre 2012 le eventuali autocertificazioni di valutazione dei rischi dovranno essere sostituite con il DVR.

Esistono inoltre degli obblighi formativi, con conseguenti aggiornamenti, in relazione a:

  • Primo soccorso
  • Antincendio
  • Responsabile servizio di prevenzione e protezione
  • Formazione generale e specifica per tutti i lavoratori, dipendenti o soci

Nelle attività soggette a sorveglianza sanitaria (individuate nel DVR in sede di valutazione dei rischi), i lavoratori sono tenuti ad effettuare la visita medica preventiva.

Esiste poi l’obbligo della nomina del rappresentante dei lavoratori, che può essere interno (in questo caso il dipendente prescelto dovrà frequentare un corso di 32 ore) o territoriale, messo a disposizione dall’Inail o da un Ente Bilaterale. A tal fine, Enbil, Ente Bilaterale di Confesercenti, ha attivato il servizio per i propri iscritti (è possibile scaricare la scheda di adesione dal sito www.enbil.it).

In ogni caso, tutte le aziende, anche le imprese familiari, dovranno adottare le misure minime indispensabili alla sicurezza dei luoghi di lavoro e munirsi di cassetta di primo soccorso e di estintore.

Considerata la natura complessa della materia e le difficoltà interpretative della norma vigente, Confesercenti da tempo ha predisposto uno sportello polifunzionale, presso le proprie sedi provinciali.

Al fine di verificare il regolare adempimento degli obblighi normativi, gli associati possono accedervi gratuitamente, fissando un appuntamento contatti